AVVISO

Il servizio di assistenza telefonica non sarà disponibile per ferie dal 08 agosto al 19 agosto. Resta attivo il servizio di assistenza tramite ticket

Settore di appartenenza COMMERCIO IN SEDE FISSA Tipo di attività ESERCIZIO DI VICINATO Oggetto della domanda Segnalazione Certificata di Inizio Attivita' : Variazioni
  • Inquadramento
    • L'esercizio di vicinato è il locale dove viene svolta l'attività di commercio avente una superficie di vendita non superiore a 150 metri quadri
      per i comuni con popolazione residente inferiore a 10000 abitanti,per i comuni con popolazione residente superiore i metri quadri
      massimi sono 250.


      Per "superficie di vendita" si intende l'area destinata alla vendita, compresa quella occupata da banchi, scaffalature e simili.

      Non costituisce superficie di vendita quella destinata a magazzini, depositi, locali di lavorazione, uffici e servizi.

      Il soggetto che intende aprire un esercizio di vicinato, sia che si tratti di titolare di impresa individuale o di
      legale rappresentante di società,
      non deve essere stato sottoposto a misure di prevenzione o di sicurezza
      (contenute nella cosiddetta "legge antimafia") o indagato per altri reati individuati nelle norme di legge.

      Tale requisito deve essere posseduto da tutti i soci.

      Inoltre, in caso di vendita di prodotti alimentari, il soggetto titolare dell'impresa individuale o il legale rappresentante o il preposto nel caso
      di società,
      deve essere in possesso dei requisiti professionali, così come previsto dalla normativa.
      Il locale poi deve rispondere ai requisiti di conformità, al regolamento edilizio, alle norme urbanistiche e relative destinazioni d'uso,
      ed alle norme igienico sanitarie
      contenute nel regolamento d'igiene.

      Quando occorre presentarla:
      la S.C.I.A. deve essere presentata prima dell'inizio dell'attività o della modifica significativa o sospensione o ripresa oppure cessazione
      di un esercizio di vicinato.

      La presentazione S.C.I.A. prevede la facoltà di inizio immediato dell'attività dopo aver presentato la comunicazione.
      L'Ente competente ha 60 giorni per effettuare i controlli ed intervenire.
      Si precisa che trascorso questo termine l'intervento di controllo è sempre possibile, ma l'interdizione dell'attività
      è possibile solo se si riscontra un interesse pubblico a fare cessare l'attività.

  • Termini del Procedimento
    • PassiGiorni
      Comunicazione SCIA incompleta o non regolare
      5
      Procura della Repubblica
      10
      Verifica Requisiti Morali (Antimafia)
      10
      Verifica compatibilita' sulla destinazione d'uso dei locali
      10
      Inoltro NIA sanitaria alla ASUR
      5
      Trasmissione SCIA ai VV.F o altro ente interessato
      5
      Richiesta documentazione integrativa
      30
      Invito a conformare l'attività  alla normativa vigente
      60
      Divieto di prosecuzione attività  ( art.19 c.3 - 2° periodo)
      60
      TOTALE GIORNI PER COMPLETARE LA RICHIESTA
      195
  • Responsabile
torna all'inizio del contenuto